Logo Infomaniak

IT

Inquiniamo

Anche se compensiamo tutte le nostre emissioni di gas serra del 200%

Scopri come

Ma noi stiamo agendo per ridurre la nostra impronta. Dal 2007.

Ripartizione delle nostre emissioni di CO2 nel 2020

Acquisto di server

Spostamenti casa-lavoro

Consumo di energia

Riscaldamento e raffreddamento

Cibo e bevande

Viaggi di lavoro e pernottamenti

Rifiuti e riciclaggio

Compensazione delle nostre emissioni di CO2

Nel 2020, Infomaniak ha generato 998.1 tCO2 eq. Per attenuare il nostro impatto ambientale, abbiamo finanziato progetti in Svizzera e Nicaragua che assorbiranno 1996.2 tCO2 eq per un importo totale di CHF 67'437.-

(Il certificato 2020 sarà disponibile nel gennaio 2022)

Possiamo migliorare soltanto ciò che può essere misurato rigorosamente.

Il calcolo delle emissioni di CO2 è riferito a tutte le nostre attività e al ciclo di vita dei prodotti che consumiamo. Estrazione delle materie prime, fabbricazione, trasporto, scarti... viene calcolato tutto, anche gli spostamenti quotidiani dei nostri collaboratori! Queste misure vengono sottoposte a controllo ogni anno da SGS nel contesto dell’audit della nostra certificazione ISO 14001:2015.

Quale è l'attività di Infomaniak che causa più inquinamento? L'acquisto di nuovi server!

Ecco perché:

Dato che utilizziamo energia rinnovabile e i nostri datacenter sono dotati di sistemi di raffreddamento ad aria esterna naturale, i nostri server emettono la stessa quantità di CO2 prodotta per la loro realizzazione dopo 7 - 10 anni di funzionamento.

Per tale motivo abbiamo deciso di prolungare il ciclo di vita dei nostri server fino a 15 anni. Ciò implica la scelta di macchine più costose aggiornabili nel tempo con componenti di tipo più avanzato.

La performance e l'affidabilità dei nostri servizi sono garantiti dalla ridondanza dei servizi e dalla nostra infrastruttura Cloud che consente di allocare risorse on demand.

La sfida ? Trovare un buon compromesso tra:

  • Le nostre crescenti esigenze in termini di risorse.
  • Cambiare determinati componenti dei server per aumentarne le prestazioni e prolungarne il ciclo di vita.
  • Mettere i server in disuso dopo 15 anni di attività a causa della scarsa efficienza energetica.

Ottimizziamo l'utilizzo delle risorse in modo continuo.

Le risorse dei server non più utilizzate vengono automaticamente destinate ad altre attività senza influire sulle prestazioni degli altri servizi. Risultato : possiamo offrire un maggior numero di servizi con meno server e un livello di prestazioni equivalente.

Parallelamente, i nostri sviluppatori sono impegnati nell’ottimizzazione continua dei prodotti per evitare consumi inutili di risorse e accrescere la prestazione dei servizi forniti (ciò che si chiama eco-concezione). Le ottimizzazioni energetiche NON sono legate SOLTANTO all’hardware!

Anche gli spostamenti e le attività di acquisto dei nostri collaboratori e collaboratrici producono un impatto sulla nostra impronta ecologica.

Un premio fino a CHF 1'500.- / anno per incoraggiare il nostro personale alla mobilità dolce.

Sensibilizziamo i nostri collaboratori sul nostro impatto ambientale motivandoli ad adottare comportamenti rispettosi dell’ambiente sia nella vita privata che professionale.

Un piano di mobilità favorisce anche trasporti più ecologici. Questo approccio riduce le nostre emissioni di carbonio, svolge un'azione benefica sulla salute dei collaboratori e sviluppa nuove abitudini virtuose. È un investimento!

Infomaniak fa parte dei 500 maggior consumatori di energia del Cantone di Ginevra.

E-mail, kDrive, datacenter... tutti i nostri servizi sono alimentati da energia rinnovabile.

La corrente elettrica che acquistiamo proviene per il 60% da fonti idroelettriche e per il 40% da energie green (energia solare e piccole strutture idrauliche che preservano i corsi d'acqua naturali e consentono la libera circolazione dei pesci). Un impianto fotovoltaico da 450 kW verrà messo in funzione nel 2022 ed è previsto di installarne uno anche nel nostro prossimo datacenter (DCIV) che verrà messo in funzione nel 2023.

Soltanto nel 2020 avremmo consumato il 28% di elettricità in più se non avessimo intrapreso le nostre iniziative a favore dell'efficienza energetica. Ciò equivale al consumo di 301 famiglie svizzere.

Progettiamo i nostri datacenter senza impianti di climatizzazione per superare gli standard di efficienza energetica del mercato.

I nostri PUE figurano tra i migliori esempi al mondo.

Per raggiungere un indicatore di efficienza energetica così basso (PUE < 1.1 contro una media europea di 1.46), raffreddiamo i nostri datacenter soltanto tramite aria esterna filtrata e regoliamo costantemente la ventilazione in base alle reali esigenze.

In media, le nostre infrastrutture consumano 8,7 W per 100 W dedicati al funzionamento dei server.

Nel 2019, le nostre ottimizzazioni ci hanno consentito di ridurre il nostro consumo di energia elettrica in ragione del 14,7%, e non ci fermeremo qui.

I datacenter di Infomaniak sono raffreddati con aria esterna filtrata.

I nostri inverter funzionano in modalità standby. Può sembrare poco, ma questo dettaglio consente di risparmiare il 5% di energia . Ogni watt conta.

I nostri generatori di corrente sono al servizio della collettività.

Generiamo 2,7 tCO2 eq / anno per testare i sistemi di alimentazione elettrica d’emergenza delle nostre infrastrutture che funzionano a carburante. Quando la rete elettrica locale presenta un problema, Swissgrid ha la possibilità di utilizzare i nostri gruppi elettrogeni per garantire e stabilizzare il funzionamento della rete elettrica svizzera.

I nostri rifiuti operativi rappresentano lo 0,4% delle nostre emissioni di CO2.

Rifiuti inceneribili 2.17 tCO2eq

Rifiuti elettronici 1.48 tCO2eq

Acqua utilizzata 0.375 tCO2eq

Rifiuti riciclabili 0.006 tCO2eq

Fonte: bilancio dei gas a effetto serra, 2019, myclimate.

È davvero necessario?

Come verrà riciclato?

È locale e responsabile?

Tutti gli acquisti vengono sottoposti a un’analisi preliminare che ci consente di determinare con precisione se sia possibile una soluzione alternativa all’acquisto stesso. Valutiamo anche il potenziale di ottimizzazione futura del nuovo hardware per prolungarne il ciclo di vita. Privilegiamo sistematicamente i fornitori locali e responsabili e ci impegniamo a ridurre i rifiuti inceneribili in ragione del 16% entro la fine del 2023 (rispetto alla quantità di rifiuti prodotti nel 2019). Dal 2015 pesiamo i nostri rifiuti, anche nei nostri uffici. Il prossimo passaggio sarà la riduzione della quantità dei rifiuti elettronici.

Finanziare progetti per attenuare le proprie emissioni di CO2 è una soluzione transitoria che tutte le imprese possono praticare facilmente.

Noi « compensiamo » le nostre emissioni di CO2 in maniera doppia

Ciò include la produzione e lo smaltimento dei server, la produzione della corrente elettrica da noi utilizzata e gli spostamenti del nostro personale.

100% in Svizzera e 100% in Nicaragua. La Terra è unica.

Le nostre misure e i nostri calcoli non sono sempre perfetti: gli alberi crescono più lentamente delle nostre emissioni e inquiniamo sia in Svizzera che all'estero.

La doppia compensazione è quindi del tutto evidente e il nostro contributo viene adeguato ogni anno in base alla quantità di CO2 che emettiamo.

Chi protegge gli interessi le api, gli alberi e gli oceani?

L'1% della nostra crescita viene devoluta a organizzazioni no-profit impegnate nella tutela della natura e a rendere più vincolante la legislazione sulla protezione dell'ambiente, soprattutto nel nostro settore.

Boris Siegenthaler, co-fondatore, direttore strategico e responsabile ambientale

Il senso della vita è realizzare cose sostenibili, almeno per un'azienda.

Senza la riduzione delle nostre emissioni e la continua ottimizzazione della nostra efficienza energetica, queste misure di attenuazione sono insufficienti. Siamo consapevoli che i lori effetti positivi sono spesso ritardati nel tempo e che non sono necessariamente implementate nelle regioni in cui le nostre attività emettono CO2. Questo approccio è tuttavia alla portata di tutte le aziende. È un primo passo facile volto a favorire una presa di coscienza e la riduzione delle emissioni.

Alexandre Patti, Energy Manager

Non è possibile salvare il mondo rispettando le regole al momento in vigore, perché queste regole devono essere cambiate. Tutto deve cambiare, a partire da oggi stesso.

Il nostro approccio ecologico è certificato da norme riconosciute

Stiamo già facendo molto. Ma non ci fermeremo qui.

Unisciti al nostro approccio!

Scegli un provider impegnato a favore di un economia locale, sostenibile e in armonia con l'uomo e la natura. Hai un suggerimento, un commento o un'idea che potremmo mettere in atto per migliorare il nostro approccio? Siamo a tua completa disposizione.